Consumatori

Tecnologia

La produzione di serramenti e chiusure oscuranti è rimasta sostanzialmente patrimonio dellafalegnameria e dei falegnami e limitata all’utilizzo del legno quale materiale strutturale fino all’Ottocento. L’invenzione dei profilati in ferro prodotti industrialmente ha permesso la progettazione e la costruzione di porte e finestre, di grandi vetrate e serre, dalle linee esili (ferrofinestra). Negli anni Venti e Trenta del XX secolo inizia la produzione di profilati in alluminio che vengono utilizzati per produrre serramenti e quindi anche facciate vetrate. Negli anni Cinquanta inizia la produzione di profilati in PVC che, assemblati opportunamente, formano serramenti e infissi. Lo sviluppo di accessori e guarnizioni, dagli anni Settanta e Ottanta in poi, ha permesso di ottenere finestre e porte dalle elevate prestazioni e durabilità. L’evoluzione della tecnologia ha portato sempre di più a soluzioni composite quali i serramenti in legno/alluminio, pvc/alluminio, alluminio/pvc, alluminio/legno, fibra di vetro…in cui i progettisti utilizzano i diversi materiali per raggiungere superiori livelli prestazionali ed estetici.


Domande e Risposte

  • Che cosa sono gli EDIFICI nZEB?

    nZEB è l'acronimo di near Zero Energy Building, ovvero edifici a consumi energetici quasi nulli.  Sostanzialmente sono edifici ad altissima prestazione energetica in cui il fabbisogno energetico molto basso o quasi nullo è coperto in misura significativa da energia da fonti rinnovabili, prodotta in situ. La direttiva EPBD (2010/31/EU) ha introdotto il concetto di edificio nZEB. La direttiva europea EPBD rappresenta la principale politica comunitaria in materia di prestazione energetica degli edifici. L'Italia ha recepito l'EPBD con decreto-legge 63/2013, convertito in legge n. 90/2013. In particolare le caratteristiche di un “edificio a energia quasi zero” in Italia sono stabilite dal Decreto Ministeriale 26 giugno 2015 del Ministero dello Sviluppo Economico, “Requisiti Minimi”. Qui un esempio recente di edifici pubblici nZEB

  • TRASMITTANZA LINEARE PSI Che cosa è la trasmittanza termica lineare in un serramento?

    La trasmittanza termica lineare PSI, indicata anche con la lettera greca Ψg , è uno dei fattori che determinano la trasmittanza termica di un componente finestrato in base alla formula 

    Uw = (AgUg + AfUf +lg Ψg / (A g + A f)

    dove Ag è l'area del vetro, Ug è il valore U al centro della vetrata, Af è l'area del telaio e Uf è il valore U del telaio, lg è la misura del perimetro del vetro e Ψg è la trasmittanza termica lineare, data dall’interazione tra telaio, vetri e distanziatore, in funzione delle proprietà termiche di ognuno di questi.

     

  • BATTUTA PORTE TAGLIAFUOCO Sono un installatore di porte tagliafuoco. Spesso, nel caso di porte tagliafuoco a 2 ante, i clienti o gli utenti dei locali sono infastiditi dalla presenza della battuta a terra dell’anta seconda. Comprendo che la tale battuta è necessaria per la funzionalità del serramento. Esistono soluzioni che permettano di eliminare tale fastidio ma che siano in regola con le istruzioni del produttore della porta tagliafuoco e i regolamenti dei Vigili del Fuoco?

    Risponde l’ing. Gianrico Delfino, responsabile tagliafuoco di ACMI, l’associazione delle chiusure tecniche

    porta taglaifuoco battuta per anta secondaria

    La battuta dell’anta secondaria rappresenta uno dei temi più ricorrenti nel mondo dei serramenti tagliafuoco e una delle domande più frequenti ai corsi. Capisco che chi lavora in ospedale, in una scuola o in un ufficio…la battuta a terra rappresenta davvero un “inciampo” e quindi un fastidio.

    Tuttavia la battuta a terra è necessaria per la funzionalità dell’infisso e non può essere rimossa. Soprattutto se la configurazione della porta certificata lo prevedeva. Quindi va mantenuta.

    Come si può rimediare a tale problema?

    La soluzione però esiste ed è di tipo meccanico. Consiste in un blocca anta secondaria, sostanzialmente una levetta a terra che normalmente, a porta tagliafuoco aperta, rimane a terra. Quando la porta viene chiusa, un meccanismo nascosto a pavimento fa risollevare la levetta facendo emergere il blocca anta e quindi ricreando la battuta. Quando la porta viene riaperta, il blocca anta viene fatto abbassare in automatico.

    La soluzione è visibile in un filmato su youtube

    Su questo accessorio, che pare unico al momento, ho raccolto qualche opinione in giro. Le opinioni sono positive e al momento mi dicono:

    Vantaggi: affidabilità, anche nel tempo, e montaggio meno complicato di quanto sembri. 

    Svantaggio: il costo soprattutto dell’installazione (soprattutto se lo si installa a pavimento finito).

    Se lo utilizzate, fateci sapere le vostre opinioni

  • MACCHIE SU ALLUMINIO Sono un progettista. Qualche anno fa ho progettato un edificio. Da qualche mese sono apparse delle macchie sulle parti esterne in alluminio dei serramenti. Vorrei sapere se ci sono dei laboratori specializzati in questo tipo di problemi.

    Le consigliamo di rivolgersi al laboratorio di Aital, l'associazione italiana trattamenti superficiali dell'alluminio, con sede a Cameri (Novara). Ha una lunga esperienza in merito. Sul loro sito potrà trovare le informazioni per contattarli. 

  • LO PSI DEL VETRAIO Il mio vetraio mi ha consegnato un opuscolo che riporta i valori psi. Che validità ha questo opuscolo dal punto di vista del rispetto delle regole di Marcatura CE?

    Samuele Broglio

    Risponde Samuele Broglio, normatore e consulente tecnico

    Onestamente nessuna validità. I passaggi di valori prestazionali da fornitore di componenti ad assemblatore finale sono regolati dalle disposizioni dell’Art. 36 del CPR che prevedono una formalizzazione di tale passaggio tramite un contratto di “cascading” corredato di specifiche istruzioni tecniche, proprio come accade nel caso della fornitura del valore Uf da parte di un sistemista. La semplice consegna di un opuscolo non rispetta le regole del CPR e quindi legalmente ha valore nullo. A prescindere dalle considerazioni tecniche, valori così comunicati non dovrebbero venire utilizzati.

     

  • MARCATURA CE DI SERRAMENTI SENZA VETRO Sono un rivenditore che acquista i serramenti senza vetro e poi li completa acquistando i vetri e facendoli installare. Come mi devo comportare in materia di Marcatura CE?

    Samuele Broglio

    Risponde Samuele Broglio, normatore e consulente tecnico

    In questo caso il rivenditore diviene assimilato al fabbricante in quanto acquista un semilavorato privo di un componente essenziale e poi lo completa acquistando ed installando tale componente. In questo caso anche un’eventuale Dichiarazione di Prestazione redatta dal produttore dei “serramenti senza vetro” risulta priva di valore. 

    Si dovrà quindi 

    1) stipulare un contratto di cascading con il produttore dei serramenti completo di istruzioni tecniche di assemblaggio 

    2) creare un FPC aziendale relativo all’assemblaggio finale 

    3) uscire sul mercato con propria denominazione commerciale e con propria Marcatura CE.

     

Leggi le ultime news

La Democrazia della Finestra per spazi abitativi umani e vitali
Vitrum, evento per operatori del vetro, apre le porte
Alluminio da riciclo, al centro dell’economia circolare
HydroSKIN, facciata idroattiva premiata da CTBUH 2022
Posa su controtelaio, ift Rosenheim la elogia
profine. Investimento da 50 mila t di profili in pvc in Serbia
Al via YED, la fiera per i professionisti del serramento
Gealan organizza il Forum Internazionale sul Futuro 2022
Materiali compositi, un'utile Guida

Contattaci per richiedere informazioni o porre la tua domanda

Form Contatti
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram