Consumatori

Leggi e Sentenze

Le principali leggi, regolamenti e direttive che governano il settore Serramenti e Chiusure sono:

Regolamento Prodotti da costruzione n. 305/2011 detto anche CPR (Construction Products Regulation): legge dell’Unione europea recepita obbligatoriamente dall’Italia che fissa le regole per l’immissione dei prodotti da costruzione sul mercato. Quindi anche i serramenti sono soggetti al CPR.

Dlgs 16 giugno 2017, n. 106 sulla commercializzazione dei prodotti da costruzione. Punisce in particolare l’assenza di marcatura CE.

Codice al Consumo: il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modifiche prevede la tutela dei diritti del consumatore dell’utenza

Leggi energetiche nazionali: DM 26 giugno 2015

Leggi sull’acustica: DPCM 5 dicembre 1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

 

Per i serramenti resistenti al fuoco e/o tenuta di fumi e porte sulle vie di fuga:

Vedi legislazione specifica del Ministero dell’interno

 

Per i serramenti motorizzati:

Oltre al CPR vedi anche: Direttiva Macchine, Direttiva Compatibilità elettromagnetica, Direttiva Bassa Tensione, Direttiva RED


Domande e Risposte

  • NO MARCATURA CE E DOP Sono un rivenditore di serramenti. Ho scoperto che il mio fornitore di serramenti non mi fornisce i documenti di corredo alla marcatura CE e alla DoP. Che cosa rischia lui? Che cosa rischio io?

    Risponde l’arch. Mario Sanvito, esperto di normativa e qualità:

    Il fabbricante rischia le punizioni del Decreto Legislativo n. 106 del 16 giugno 2017. In particolare, come prevede l’art. 19, rischia una multa da 4 a 24 mila €  o anche l’arresto  se è prodotto resistente al fuoco o prodotto strutturale.

    Il rivenditore rischia le sanzioni dell'art. 21. Ma se assume il ruolo di fabbricante ovvero vende a suo nome, ricade sotto quanto prevede l’art. 19, citato poco prima.

    Arch. Mario Sanvito

  • DOCUMENTI PER I CLIENTI Sono un produttore di serramenti. Fornisco regolarmente la marcatura CE e la DoP, la Dichiarazione di Prestazione. C'è una lunga discussione con i colleghi sui documenti che è obbligatorio rilasciare al cliente assieme alla marcatura CE. Quali sono quelli obbligatori?

    arch. Mario Sanvito

    Risponde l’arch. Mario Sanvito, esperto di normativa e qualità:

    In generale, il produttore deve fornire le istruzioni di posa, uso e manutenzione come previsto dalla CPR, il Regolamento Prodotti da Costruzione n. 305/2011, come meglio precisato nella norma EN applicabile al prodotto.
    Se il serramento è motorizzato anche i documenti previsti dalla direttiva Macchine e norma EN di supporto, valida per il serramento motorizzato considerato.

  • TIPI DI CONTRATTO Sono un giovane serramentista. Sento parlare spesso di contratto di appalto e contratto di fornitura e posa. Che cosa sono e qual è la differenza tra i due tipi di contratto?
    Avv. Annalisa Callarelli Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA R: La differenza tra i due contratti è sottile ma comporta l’applicazione di discipline molto diverse, anche in termini di responsabilità e garanzie. Generalmente, si parla di fornitura quando vengono impiegati prodotti in serie o comunque da catalogo, al di là delle ovvie modifiche a misura fatte volta per volta. Si ricadrà invece nell’appalto in caso di realizzazione di prodotti cosiddetti “speciali”, con una maggiore predominanza dell’attività di progettazione e di manodopera. La presenza della posa accanto alla fornitura renderà poi il contratto perfezionato di natura cosiddetta “mista” con applicazione comunque di alcune norme dell’appalto.
  • AUMENTI DI PREZZO Ho fatto sei mesi fa un preventivo per la fornitura, senza posa, di una partita di serramenti. Ora è venuto il momento delle lavorazioni e della consegna del prodotto finito. Purtroppo nel giro di mezzo anno i prezzi di ferro, alluminio, accessori e altri materiali necessari per la costruzione degli infissi, sono aumentati considerevolmente. I miei fornitori non vogliono rispettare i prezzi di sei mesi fa. Se io mantengo i prezzi del preventivo di allora vado in perdita. Che cosa mi consigliate di fare?

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Occorrerà anzitutto verificare i termini contrattuali inseriti nell’ordine inviato ai fornitori e verificare se eventuali richieste di revisione prezzi erano stato espressamente escluse. In ogni caso poi, Le consigliamo di richiedere a Sua volta al cliente una revisione del prezzo legittimata dalle circostanze eccezionali e imprevedibili che hanno interessato, e interessano tuttora, il mercato. Esistono al riguardo delle norme del codice civile -e non solo- poste a tutela degli operatori e che possono essere invocate.

  • PREZZI E CONTRATTI Stiamo vivendo un periodo molto turbolento con i fornitori che cambiano i prezzi delle materie prime e dei semilavorati anche dalla sera alla mattina, senza alcun preavviso. Se non accettiamo le loro imposizioni, il rischio per noi è restare senza materiale. È possibile difendersi dal punto di vista contrattuale, anche se si è piccoli?

    Avv. Annalisa Callarelli

    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Certamente. Atteso il particolare periodo in cui ci troviamo è indispensabile, anche per i “piccoli”, chiarire prima della firma degli ordini le condizioni della fornitura. In particolare, sarà importante inserire espressamente nei contratti una previsione che escluda l’applicazione delle norme che consentono eventuali revisioni del prezzo, da considerarsi quindi fisso, invariabile e, pertanto, bloccato dal momento in cui viene sottoscritto l’ordine.

  • FORZA MAGGIORE Durante il Covid-19 ho sentito parlare tanto di Causa di forza maggiore. Di che si tratta?

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: il nostro ordinamento non contiene una precisa definizione della “forza maggiore” la quale, comunque, raccoglie tutti quegli eventi impeditivi che vanno oltre il controllo delle parti, non imputabili alle medesime e che non si sarebbero potuti prevedere, prevenire, superare, o rimediare con l’esercizio della migliore diligenza. Senz’altro quindi la pandemia da Covid-19 nell’anno 2020 ha rappresentato una causa di forza maggiore. Oggi, pur senza essere usciti dalla pandemia, la forza maggiore da Covid-19 potrà essere invocata solo a fronte di eventi nuovi, come ad es. nuovi lockdown o altre restrizioni non prevedibili delle autorità.

  • MARCHIO AZIENDALE La mia azienda nel giro di 30 anni ha acquisito una certa notorietà. A mia tutela penso sia utile proteggerne il marchio. Come posso fare? quali passi devo intraprendere? quanto può costare questa operazione?

     

    Avv. Annalisa Callarelli

     

    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Confermo l’assoluta opportunità ed utilità di procedere alla registrazione del marchio, che dà anche più valore all’azienda e ai prodotti. È possibile procedere alla registrazione in autonomia, seguendo la procedura prevista sul sito della Camera di Commercio, o farsi affiancare da esperti, meglio se iscritti all’Ordine Italiano dei Consulenti in Proprietà Industriale. Il costo dell’operazione varia a seconda delle classi di servizi e/o prodotti che si intende registrare. Prima di registrare il marchio è poi, in ogni caso, opportuno far eseguire una ricerca di anteriorità che permetta di verificare che non esistano marchi uguali (o molto simili) già registrati per le medesime classi di servizi o prodotti.

  • INSOLUTI L'impresa di costruzione non mi paga. È un vecchio ritornello tra i fornitori. Ci sono cascato anch'io. C'è modo di risolvere il problema degli insoluti di questo tipo?

    Avv. Annalisa Callarelli

    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: La soluzione da intraprendere varia ovviamente da caso a caso. Sarà comunque senz’altro opportuno effettuare subito un sollecito di pagamento formale da inviare all’impresa a mezzo Pec minacciando, se è possibile, anche la sospensione della fornitura. In caso di esito infruttuoso del sollecito sarà poi indispensabile rivolgersi quanto prima a un legale di fiducia, che avvierà la procedura di recupero del credito più adatta a seconda del caso di riferimento.

  • CONTRATTI DI MANUTENZIONE Mi sono reso conto che nella mia zona ci sono tante chiusure tecniche e tanti serramenti che hanno bisogno di manutenzione. Ho sentito dire che esistono dei contratti di manutenzione. Come sono impostati?

    Avv. Annalisa Callarelli

    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    Il contenuto del contratto di manutenzione dei serramenti varierà a seconda della prestazione che si intende offrire. Molti contratti prevedono, a fronte di un impegno di durata di diversi anni, la copertura della manutenzione ordinaria programmata, con opzioni per la manutenzione straordinaria e/o un listino prezzi concordato per le riparazioni e gli imprevisti. In ogni caso risulta importante specificare quali interventi e voci di spesa saranno concretamente ricompresi e le tempistiche, al fine di delimitare sia i costi che le eventuali responsabilità.

  • RISCHIO CESSIONE DEL CREDITO Sono il fornitore di un rivenditore di serramenti. Qualche tempo fa questi mi ha ceduto il credito di imposta di una cliente che aveva acquistato dei serramenti. Ora si scopre che la cliente non aveva diritto alle agevolazioni fiscali dell'ecobonus in quanto la casa non ha impianto di riscaldamento. Io ho acquistato in buona fede. Così pure il mio rivenditore: che cosa rischiamo?

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Con riferimento al Superbonus 110% la circolare n. 24/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che i fornitori e i soggetti cessionari rispondono solo nel caso in cui abbiano utilizzato il credito d'imposta in maniera irregolare o in misura maggiore rispetto al credito d’imposta ricevuto. Di conseguenza, se durante i controlli dell’ENEA o dell’Agenzia delle Entrate viene rilevato che il soggetto non aveva diritto alla detrazione, colui che ha acquistato il credito in buona fede non perde il diritto ad utilizzare il credito d’imposta.

  • IL POSATORE NON RISPONDE… Sono un produttore di serramenti e li vendo posa compresa. Mi avvalgo di squadre esterne di posatori. Ultimamente un posatore ha fatto un lavoro non proprio bello. Il cliente si lamenta (gli entra in casa l'acqua quando piove) E ha ragione. il posatore non ne vuole sapere di ritornare sul posto. Mi dia un consiglio su come muovermi...

     

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: In questi casi è importante muoversi tempestivamente onde evitare che eventuali danni possano aggravarsi. Le consiglio di inviare al posatore una comunicazione formale a mezzo Pec in cui gli intima di provvedere entro un termine molto breve al rispristino/rifacimento della posa informandolo che, in mancanza di un suo intervento, Lei procederà in autonomia addebitando il costo e i danni conseguenti. Una volta decorso il termine della diffida potrà procedere. Le suggerisco però, prima del ripristino, di effettuare delle foto o fare altri rilievi al fine di cristallizzare l’inadempimento del posatore.

  • RESCINDERE UN CONTRATTO Quasi un anno fa ho fatto un contratto per la fornitura e posa di serramenti e scuri. Ho chiesto naturalmente un anticipo. Ora mi rendo conto che, a causa degli aumenti dei prezzi dell'energia e delle materie prime, non ci sto più dentro quei prezzi. Andrei sicuramente in perdita. Vorrei rescindere il contratto ma, mi dicono, che ciò non è possibile avendo ricevuto l'anticipo. È vero?

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Non è del tutto vero. L’art. 1467 del codice civile prevede, per i contratti ad esecuzione differita come il Suo, che se la prestazione di una delle parti è divenuta eccessivamente onerosa per fatti straordinari e imprevedibili (come effettivamente avvenuto a causa della pandemia prima e del conflitto in Ucraina poi), la parte che deve eseguire la prestazione può domandare la risoluzione del contratto. Il cliente dal canto suo può evitare che ciò accada offrendo di modificare equamente le condizioni economiche. Nel caso ciò non avvenisse sarà quindi possibile risolvere il contratto ma con restituzione dell’acconto ricevuto come anticipo.

  • CLAUSOLA REVISIONE PREZZI D: Visti gli aumenti delle materie prime e dell'energia, ho inserito nei miei contratti la Clausola revisione prezzi. È vero che tale Clausola andrebbe firmata due volte?

    Avv. Annalisa Callarelli


    Risponde l’avv. Annalisa Callarelli, Studio SCLA

    R: Le clausole soggette doppia firma sono quelle cosiddette vessatorie, ossia quelle che determinano uno squilibrio del contratto a vantaggio di un contraente e a sfavore dell’altro. Rientrano tra queste, ad esempio, le clausole contenenti limitazioni di responsabilità, la facoltà di recedere dal contratto o di sospenderne l'esecuzione. Al contrario la clausola di revisione del prezzo non rientra nelle precedenti fattispecie, anzi con specifico riferimento alla disciplina prevista per i contratti d’appalto è la legge stessa a prevedere il diritto alla revisione del prezzo al verificarsi di determinate condizioni.

  • New FAQ : Question

    New FAQ : Answer

Leggi le ultime news

Nuovo Regolamento prodotti da costruzione. Ci siamo quasi…
Da EuroWindoor, le prospettive per i serramenti europei
Norme tecniche armonizzate. L’accesso sia libero e gratuito
Controllo dei cancelli motorizzati: chi li può fare?
VePa. Quanto sono utili nella rigenerazione urbana?
Fatture di fine anno. Risolto il problema
Ancora una sentenza su una pergotenda
Legge di bilancio 2023 approvata in via definitiva
Novità crediti di imposta in Legge di Bilancio 2022
Arriva il Decreto Costi massimi per l'edilizia

Contattaci per richiedere informazioni o porre la tua domanda

Form Contatti
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram