La posa di un serramento è l’operazione grazie alla quale una finestra, una porta vengono installati nel vano murario. La procedura ha una caratteristica particolare: a lavoro appena ultimato non sempre è possibile verificare a occhio nudo la bontà dell’operazione. Gli effetti positivi o negativi della posa possono svilupparsi progressivamente nel tempo, portando confort ambientale e termico nel primo caso, oppure muffe, spifferi e condense nel secondo.

Per queste ragioni la posa in opera dei serramenti richiede materiali, metodologie e competenze specifiche. A tale scopo i produttori dei prodotti di posa sviluppano soluzioni sempre più performanti. Gli installatori consapevoli intraprendono corsi di formazione professionale e percorsi di certificazione volti a migliorare e dimostrare le proprie competenze.


Domande e Risposte

  • CONTROTELAIO Quando mi capita di posare il controtelaio in cantiere non trovo mai tutti i riferimenti necessari alla corretta posa. Come posso fare per non perdere tempo a cercare indicazioni dall’impresa?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore:

    La posa del controtelaio dovrebbe essere sempre preceduta dal riferimento del livello (metro filo pavimento) e da indicazioni progettuali che devono essere condivise con il Progettista e l’impresa edile.

  • IRREGOLARITA' FORO FINESTRA Come posso sigillare il giunto primario con il freno vapore se il foro finestra non è regolare?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore:

    Le fasi di posa del controtelaio dovrebbero essere precedute da una regolarizzazione del foro finestra in modo tale da consentire una regolarità necessaria all’isolamento e alla sigillatura del giunto primario definita nel progetto di posa.

  • SIGILLATURA GIUNTO PRIMARIO Fino a che spessore posso sigillare il giunto primario con la schiuma poliuretanica?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore

    Va premesso che la schiuma poliuretanica non sigilla ma isola il giunto primario. Infatti la schiuma non fa tenuta all’aria e tantomeno all’acqua. Il processo di estrusione della schiuma deve tener conto di tutte indicazioni necessarie, tra le quali quella dello spessore che non dovrebbe superare i 30 mm.

  • SIGILLATURA SOGLIA Mi trovo in difficoltà nel sigillare la soglia della porta finestra con il nastro a celle chiuse. Quasi sempre la soglia si solleva nel centro verso l’alto. Come posso fare?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore

    Il fissaggio del serramento, come descritto anche nella norma UNI 11673-1, è molto importante: è uno dei passaggi chiave di tutto il sistema di posa. Il fissaggio corretto, oltre a rendere sicuro il serramento, è fondamentale per evitare le rotture della sigillatura quando il serramento viene sottoposto alla pressione del vento o a false manovre dell’utente. Detto questo, la soglia della porta finestra deve essere fissata al pavimento in modo tale da evitare il suo sollevamento o distacco dal pavimento. Ricordo che il nastro a celle chiuse funziona solo per schiacciamento.

  • NASTRO ESPANDENTE Come posso ritardare l’espansione del nastro autoespandente nei mesi estivi?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore

     Per rallentare l’espansione del nastro bisogna, soprattutto nei mesi estivi, stoccarlo in locali freschi, meglio se in frigoriferi. In cantiere è bene utilizzare borse termiche. Tuttavia quello che è da evitare assolutamente è quello di tenere i nastri sul furgone che nei periodi estivi.

  • TAGLIO SOGLIA Il cliente non vuole che venga tagliata la soglia passante del davanzale e rimuova il controtelaio in ferro. Come posso tutelarmi da eventuali contestazioni per muffe o condense?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore   

    Il problema è molto ricorrente. Bisogna spiegare al cliente che l’azione consigliata è un’ investimento necessario per la buona riuscita del lavoro. La salubrità degli ambienti dipende molto dalla mitigazione dei ponti termici e dalla ventilazione dei locali. Se ancora il cliente rimane della sua idea, bisogna evidenziare contrattualmente la scelta progettuale fatta del cliente.

  • TAVOLE DI POSA MANCANTI Sono un posatore (ditta individuale). Spesso mi trovo in cantiere senza indicazioni di come posare il serramento nonostante continui a richiedere alla rivendita le tavole di posa. Come posso fare per tutelare il mio lavoro?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore:

    Oggi è molto importante arrivare in cantiere con tutte le indicazioni necessarie per restituire una posa in opera come contrattualizzata. La tavola di posa del nodo orizzontale e verticale e l’abaco con la numerazione dei fori è il minimo che serve in cantiere per orientarsi. Inoltre, la tavola di posa dà indicazione anche sui materiali da adoperare e sulle loro caratteristiche. Ad esempio, la larghezza e lo spessore del nastro. Quindi, chieda con fermezza la documentazione necessaria a svolgere il suo lavoro.

  • ZANZARIERA E INFILTRAZIONI In caso di sostituzione del serramento togliendo il vecchio telaio, il cliente mi chiede di inserire la zanzariera a scomparsa. Quindi devo arretrare il serramento in modo tale da inserire la zanzariera. Come posso evitare infiltrazioni dal giunto e come posso utilizzare il nastro BG1?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore:

    L’inserimento di accessori come zanzariere, guide per avvolgibile o tende tecniche in moltissimi casi compromettono l’esito della posa causando infiltrazioni di aria e acqua dal giunto primario. In questi casi bisogna creare una corretta sede per la zanzariera inserendo un elemento (in pvc o legno) ben ancorato e sigillato alla muratura che funge da controtelaio, la zanzariera deve essere scollegata dal sistema e posata con pre-montaggi in modo tale da fare manutenzione in modo facile. Così facendo, si ricrea una battuta dove inserire il BG1. Il giunto deve essere sigillato senza dare alla zanzariera nessun compito nel sistema posa.

  • FISSAGGIO TRAVERSA AL CASSONETTO Come posso fissare la traversa del serramento al cassonetto in modo sicuro?

    Risponde Graziano Corghi, esperto in posa e normatore:

    Come detto in precedenza la fase di fissaggio è importantissima per la sicurezza e per la durata della sigillatura. Bisogna inserire all’interno del cassonetto un elemento (tubolare) di irrigidimento con fissaggio alle estremità. In questo modo, quando si avvita la traversa superiore si fissa la stessa al celino e al rinforzo e tutto il sistema collabora contro la spinta del vento o le eventuali false manovre dell’utente.

  • BATTUTA PORTE TAGLIAFUOCO Sono un installatore di porte tagliafuoco. Spesso, nel caso di porte tagliafuoco a 2 ante, i clienti o gli utenti dei locali sono infastiditi dalla presenza della battuta a terra dell’anta seconda. Comprendo che la tale battuta è necessaria per la funzionalità del serramento. Esistono soluzioni che permettono di eliminare tale fastidio ma che siano in regola con le istruzioni del produttore della porta tagliafuoco e i regolamenti dei Vigili del Fuoco?

     

    Risponde l’ing. Gianrico Delfino, responsabile tagliafuoco di ACMI, l’associazione delle chiusure tecniche

    porta taglaifuoco battuta per anta secondaria

    La battuta dell’anta secondaria rappresenta uno dei temi più ricorrenti nel mondo dei serramenti tagliafuoco e una delle domande più frequenti ai corsi di formazione per installatori. Capisco che chi lavora in ospedale, in una scuola o in un ufficio…la battuta a terra rappresenta davvero un “inciampo” e quindi un fastidio. 

    Tuttavia la battuta a terra è necessaria per la funzionalità dell’infisso e non può essere rimossa. Soprattutto se era prevista dalla configurazione della porta certificata. Quindi va mantenuta.

    Come si può rimediare a tale problema?

    La soluzione però esiste ed è di tipo meccanico. Consiste in un blocca anta secondaria, sostanzialmente una levetta a terra che normalmente, a porta tagliafuoco aperta, rimane a terra. Quando la porta viene chiusa, un meccanismo nascosto a pavimento fa risollevare la levetta facendo emergere il blocca anta e quindi ricreando la battuta. Quando la porta viene riaperta, il blocca anta viene fatto abbassare in automatico.

    La soluzione è visibile in un filmato su youtube

    Su questo accessorio, che pare unico al momento, ho raccolto qualche opinione in giro. Le opinioni sono positive e al momento mi dicono:

    Vantaggi: affidabilità, anche nel tempo, e montaggio meno complicato di quanto sembri.  

    Svantaggio: il costo soprattutto dell’installazione (soprattutto se lo si installa a pavimento finito).

Leggi le ultime news

Acustica e posa di serramenti. Finalmente la nuova UNI 11296
Diisocianati. Stretta del Parlamento europeo che abbassa i valori limite
Consigli di posa per migliorare le prestazioni acustiche dei serramenti
UNI 11296. In inchiesta finale la norma su acustica e posa dei serramenti
Cover App Indoor, il termoisolamento del davanzale interno
Sanvito: bene la UNI 10818 ma si poteva fare meglio
UNI 10818:2023. Novità corpose, dice l’ing. Poletti, Anfit
Cinque convegni Acmi, Anfit e Finco a Made Expo 2023
UNI 10818 e fornitura in opera di serramenti, secondo Unicmi
Nuova UNI 10818. Il parere dell’esperto
UNI_10818. Finalmente uscita la norma 2023
Monoblocco raggiunge i 56 dB di isolamento acustico
Rilievo misure. Un corso di AmbrosiPartner. Docente Bisacchi
La futura norma UNI 10818 secondo Daniele Cagnoni
Responsabilità nella posa in opera. Da UNI progetto di norma
Corsi sui Diisocianati a norma di legge
Posa su controtelaio, ift Rosenheim la elogia
Nuova Guida alla posa di finestre e porte
Schiume poliuretaniche. Cambio di regole
Sondaggio Cosmoserr n. 2 tutto sulla posa
Posatori certificati di serramenti. Ora c'è una legge

Contattaci per richiedere informazioni o porre la tua domanda

Form Contatti
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram